Il Comitato Vivere Mercato Navile in Bolognina ha partecipato alla realizzazione dei murales e non si ferma!

Con l’aiuto del l’Urban Center e del Quartiere e di importanti aziende del comparto, e grazie a rinomati artisti, siamo riusciti a partecipare alla DesignWeek evento/in-progress/ creando un punto, unico all’esterno del centro storico, dove proponiamo una mostra fotografica / pittorica alla quale siete tutti invitati.

Il coccodrillo di Jamesboy è un riferimento alla situazione attuale del quartiere, in parte abbandonato, in parte mai finito e che versa in una pericolosa stagnante situazione abitata appunto da coccodrilli e altri animali fantastici.

In Progress

Gli scatti di Sara Alberghini nell’area del Mercato Navile – l’Ex mercato ortofrutticolo di Bologna, ora luogo di un’ampia riqualificazione urbana – uniti agli interventi pittorici di Lidia Bagnoli, artista e scenografa, che ha popolato le fotografie trasformandole e proiettandole nel momento del finito e del vissuto, suggerendo una visione della trasformazione possibile.

Il Comitato Vivere Mercato Navile ha colto, in questo connubio, uno sguardo indagatore assonante col proprio impegno per il completamento e la valorizzazione di un quartiere all’avanguardia.

In occasione della BDW 2017, il nuovo palazzo degli uffici comunali in piazza Liber Paradisus e gli spazi delle abitazioni ospiteranno la mostra IN PROGRESS.

Scarica la cartolina dell’evento

Il Comitato Vivere Mercato Navile in Bolognina ha partecipato alla realizzazione dei murales e non si ferma!

Con l’aiuto del l’Urban Center e del Quartiere e di importanti aziende del comparto, e grazie a rinomati artisti, siamo riusciti a partecipare alla DesignWeek evento/in-progress/ creando un punto, unico all’esterno del centro storico, dove proponiamo una mostra fotografica / pittorica alla quale siete tutti invitati.

L’opera di Bibbito si ispira direttamente al simbolo del Comitato del quartiere del Navile e simboleggia come le volontà contenute nelle teste di chi lo compone possano essere veramente positive per la città.

Incontro a seguito dell’inaugurazione del sottopasso di via Gobetti

Bologna, 3 luglio 2017

Care Amiche e Cari Amici di Vivere Mercato Navile,

Come fosse un puzzle ripreso e abbandonato più volte, non tutti i pezzi combaciano più. È andato a posto un tassello, il sottopasso, ma si fatica a capire il disegno di insieme, non salvaguarda dal traffico un parco naturalistico nord che non c’è, una area residenziale di cui è realizzata solo una minima parte.
Il comitato continua ad incalzare la pubblica amministrazione perché trovi il modo di governare i mutati scenari economici e sociali anziché esserne in balia. I cittadini, altrimenti, continueranno ad essere soli in un area che, pare, abbandonata.

Il 30 giugno c’è stata l’inaugurazione della porzione centrale interrata di via Gobetti. Sindaco ed assessori, presidente di quartiere, cittadini hanno percorso il tratto per la prima volta. Dopo è avvenuto un incontro in cui comitato ed amministratori e tecnici hanno dialogato sui seguenti punti:

1) Rimozione dei detriti residui. Verrà valutata in sede di conferenza dei servizi che si terrà nei primi giorni di luglio.
2) Casa della salute. Verrà consegnata alla ASL a fine agosto, poi verrà allestita con le apparecchiature necessarie, indicativamente entro l’autunno.
3) Collegamento con il Kiss&Ride anche da via Carracci entro il 2018.
4) Edilizia popolare dei lotti H e N. Abbandonato il progetto di affidamento ai privati, verrà realizzato direttamente dal comune con finanziamenti destinati dal governo. Verremo informati quando saranno effettivamente erogati. L’amministrazione ha manifestato la disponibilità a ripensare il progetto iniziale alla luce delle attuali esigenze.
5) Alcune opere di urbanizzazione del comparto, che devono essere eseguite dal consorzio Mercato Navile, risultano ancora incompiute. Alla scadenza del crono-programma prestabilito per ciascuna opera, qualora non risultassero completate, l’amministrazione avvierà le pratiche di escussione delle relative fidejussioni.
6) Il ministero della pubblica istruzione ha sbloccato i fondi per la realizzazione del polo scolastico.
7) Il centro sociale “Katia Bertasi” è in via di realizzazione, mentre la tettoia Nerviè ferma in attesa dei fondi aggiuntivi necessari alla messa a norma antisismica, fondi che proverranno dagli oneri della realizzazione dell hotel per studenti dell’ex Telecom e che verranno interamente impiegati nell’area.

Vi inviamo anche il link alla dichiarazione rilasciata ieri dal nostro Presidente al tg di TRC, sulla recente festa dell’XM24.

Il Comitato Vivere Mercato Navile

Buon decimo compleanno, Mercato Navile!

Bologna, 12 giugno 2017

Care Amiche e Cari Amici di Vivere Mercato Navile, in occasione del decimo compleanno dell’area del Mercato Navile, abbiamo indirizzato questa lettera al nostro sindaco:

 

Caro Sindaco,

oggi Mercato Navile compie 10 anni: l’inizio della convenzione urbanistica, infatti, è datato 12/6/2007!

Per celebrare degnamente questo anniversario e ricordare che 3650 giorni sono passati e c’è ancora molto da fare, i rappresentanti del Comitato Vivere Mercato Navile, nato il 21 novembre 2014 per volontà di alcuni cittadini che venendoci ad abitare hanno creduto alla riqualificazione di quest’area e all’importanza sociale del primo esperimento italiano di progettazione urbana partecipata, hanno pensato di scriverti per dirti come la pensano e cosa credono sarebbe opportuno fare perché ci si avvicini a destinazione in questo percorso di trasformazione e di riqualificazione della Bolognina, che dura sicuramente da troppo tempo.

Caro Sindaco, per chi vive già nelle nuove costruzioni che rappresentano l’unica parte completata di un progetto ambizioso, è evidente quanto sia poco presente, a Bologna, la testimonianza dell’architettura contemporanea e, con essa, il progetto di evoluzione del tessuto abitativo verso un orizzonte futuro.
Nelle aree dell’Ex-mercato è ormai chiaro come la crisi abbia colpito in maniera devastante l’edilizia e come sia cambiato completamente il senso della progettazione che ha dato vita all’iniziale disegno di Mercato Navile.

Occorre, secondo noi, trovare un nuovo metodo di stima del prevedibile sviluppo del quartiere in relazione alle dinamiche economiche. Noi, che a Mercato Navile ci abitiamo, ci siamo persuasi che perseverare nel progetto iniziale denuncia purtroppo una mancanza di visione da parte dell’Amministrazione della città che sta mettendo Bologna ai margini, precludendoci l’opportunità di avere accesso a finanziamenti nazionali e internazionali.

Il comitato “Vivere Mercato Navile” in questi anni ha impegnato le energie delle persone che lo animano con passione per stabilire  relazioni e contatti con soggetti che hanno competenze professionali qualificate in tema di riqualificazione urbana e di architettura alla ricerca di strategie, forse non risolutive, ma che permetterebbero un cambio di passo e potrebbero dare la sterzata che occorre per portare questo progetto ad un accettabile livello di compimento.

Ecco quello che, secondo noi, l’Amministrazione dovrebbe fare da domani mattina per dare impulso al Comparto:

  1. Privilegiare il concetto di rigenerazione urbana e di riuso.

  2. Ripensare ad un nuovo percorso partecipato agile e flessibile che tenga conto delle mutate condizioni.

  3. Creare un nuovo modo di far dialogare insieme chi abita e abiterà il quartiere con le realtà che connettono sinapsi (università, industria, artigianato, servizi).

  4. Le aree dismesse delle FF SS, contigue al comparto, dovrebbero essere valorizzate così come è accaduto a Milano dove sono state promosse con un concorso internazionale: a Bologna non ci sono iniziative in merito, purtroppo.

  5. Bisognerebbe coinvolgere tutti gli attuatori facenti parte del consorzio. Possiedono licenze edilizie che sono ancora attuali rispetto alla mutata situazione?

  6. Sarebbe necessario organizzare un workshop sul prosieguo dello sviluppo del comparto coinvolgendo architetti, economisti urbani e sociologi che possano dare il giusto impulso alle azioni della Pubblica Amministrazione.

  7. È necessario che ci sia la possibilità di cambiare più celermente le destinazioni d’uso delle aree non ancora edificate.

  8. Sono importanti i riusi temporanei delle aree destinate ad essere costruite che in altri contesti nazionali e internazionali si sono dimostrati dei test funzionali molto efficaci.

  9. Il decoro urbano di un’area in fase di costruzione e sviluppo dev’essere una priorità di un’amministrazione cittadina a cui preme il benessere delle persone che lì vi abitano.

  10. Ci preme infine ricordare che le rigenerazioni urbane hanno portato un incremento economico notevole ovunque, diventando la chiave dello sviluppo economico futuro.

 Il Comitato Vivere Mercato Navile

Prima risposta alla nostra Lettera al Capo di Gabinetto Dott. Montalto

Il Presidente del Quartiere Navile ci ha convocato il 20 Giugno prossimo per discutere uno dei punti richiesti al Dott. Montalto: lavori tettoia Nervi, Centro Sociale K, Bertasi e Palestra Fantoni.

Rif. Lettera al Capo di Gabinetto Dott. Montalto: http://www.viveremercatonavile.org/wp/lettera-al-capo-di-gabinetto-dott-montalto/