Incontro a seguito dell’inaugurazione del sottopasso di via Gobetti

Bologna, 3 luglio 2017

Care Amiche e Cari Amici di Vivere Mercato Navile,

Come fosse un puzzle ripreso e abbandonato più volte, non tutti i pezzi combaciano più. È andato a posto un tassello, il sottopasso, ma si fatica a capire il disegno di insieme, non salvaguarda dal traffico un parco naturalistico nord che non c’è, una area residenziale di cui è realizzata solo una minima parte.
Il comitato continua ad incalzare la pubblica amministrazione perché trovi il modo di governare i mutati scenari economici e sociali anziché esserne in balia. I cittadini, altrimenti, continueranno ad essere soli in un area che, pare, abbandonata.

Il 30 giugno c’è stata l’inaugurazione della porzione centrale interrata di via Gobetti. Sindaco ed assessori, presidente di quartiere, cittadini hanno percorso il tratto per la prima volta. Dopo è avvenuto un incontro in cui comitato ed amministratori e tecnici hanno dialogato sui seguenti punti:

1) Rimozione dei detriti residui. Verrà valutata in sede di conferenza dei servizi che si terrà nei primi giorni di luglio.
2) Casa della salute. Verrà consegnata alla ASL a fine agosto, poi verrà allestita con le apparecchiature necessarie, indicativamente entro l’autunno.
3) Collegamento con il Kiss&Ride anche da via Carracci entro il 2018.
4) Edilizia popolare dei lotti H e N. Abbandonato il progetto di affidamento ai privati, verrà realizzato direttamente dal comune con finanziamenti destinati dal governo. Verremo informati quando saranno effettivamente erogati. L’amministrazione ha manifestato la disponibilità a ripensare il progetto iniziale alla luce delle attuali esigenze.
5) Alcune opere di urbanizzazione del comparto, che devono essere eseguite dal consorzio Mercato Navile, risultano ancora incompiute. Alla scadenza del crono-programma prestabilito per ciascuna opera, qualora non risultassero completate, l’amministrazione avvierà le pratiche di escussione delle relative fidejussioni.
6) Il ministero della pubblica istruzione ha sbloccato i fondi per la realizzazione del polo scolastico.
7) Il centro sociale “Katia Bertasi” è in via di realizzazione, mentre la tettoia Nerviè ferma in attesa dei fondi aggiuntivi necessari alla messa a norma antisismica, fondi che proverranno dagli oneri della realizzazione dell hotel per studenti dell’ex Telecom e che verranno interamente impiegati nell’area.

Vi inviamo anche il link alla dichiarazione rilasciata ieri dal nostro Presidente al tg di TRC, sulla recente festa dell’XM24.

Il Comitato Vivere Mercato Navile

Lettera di richiesta di incontro per aggiornamenti sullo stato di Mercato Navile

Gentilissima dottoressa Orioli,
con la presente siamo a richiederle con urgenza un incontro con una delegazione del nostro comitato cittadino per avere aggiornamenti sulle importanti questioni che riguardano Mercato Navile.

Innanzitutto sullo stato di sviluppo del Piano città perché se l’avanzamento della Casa della Salute è possibile riscontrarlo quotidianamente, diversamente il cantiere della Pensilina Nervi è praticamente fermo ( e la previsione fine lavori è di dicembre 2017), l’area circostante con i detriti abbandonati dal consorzio versa ancora nel medesimo stato da anni con evidenti grossi rischi per gli abitanti del quartiere, i lavori per la palestra non sono iniziati, mentre a tutt’oggi nessuna notizia abbiamo ancora circa lo sviluppo del progetto per la costruzione della scuola.

Per quanto riguarda le Ferrovie dello Stato in merito all’Asse Nord Sud, durante l’incontro di luglio il nostro Comitato ha fatto richiesta che l’Ufficio Mobilità del Comune si adoperi con un atto formale presso le Ferrovie per avere notizia su quali siano le intenzione e le tempistiche di quel soggetto per il completamento di questo asse viario indispensabile per la città di Bologna: siamo a richiederLe se cioè sia già avvenuto o in procinto di essere fatto.

Durante il nostro ultimo incontro avvenuto nel mese di luglio ci avevate comunicato l’ipotesi di un possibile utilizzo temporaneo per scopi sociali dei lotti H e N: vorremmo notizie circa lo sviluppo di questa proposta.

Per quanto riguarda la gara d’appalto del sottopasso, abbiamo saputo che l’assegnazione dovrebbe avvenire proprio in questi giorni: vorremmo avere su questo un ragguaglio circa i tempi della prossima realizzazione.

Infine avremmo bisogno di avere un quadro aggiornato circa le condizioni e le intenzioni degli attuatori del Consorzio con i quali – ci auspichiamo- che l’Amministrazione , in seguito all’invio della diffida del 26 luglio 2016, abbia aperto un canale di dialogo più fattivo.

In attesa di un suo cortese cenno di riscontro per fissare la data di un prossimo incontro che dia continuità al Tavolo di concertazione che da più di un anno e mezzo permette un confronto diretto tra la  cittadinanza e le Istituzioni

Cordiali saluti
Comitato Vivere Mercato Navile

Risposta dell’assessore Valentina Orioli

Gentile signor Scandellari, gentili Cittadini del Comitato Vivere Mercato Navile,

con riferimento alle vostre richieste, e con il contributo degli uffici interessati, vi comunico le seguenti informazioni:

Sottopasso di via Gobetti
l’area di cantiere del sottopasso di via Gobetti è rientrata nella disponibilità del Consorzio Mercato Navile (CMN); da informazioni che gli uffici hanno acquisito in apposito incontro, la documentazione per espletare la nuova gara è già stata predisposta. Nella prossima riunione di Consorzio verrà proposto ai consorziati, da parte della struttura tecnica del CMN, di deliberare l’avvio della procedura. Tempi comunicati: metà settembre 2016;
Diffida inviata dal Comune al Consorzio per rilevare le inadempienze al cronoprogramma
per quanto attiene al sottopassso, il CMN è stato diffidato ad ottemperare agli impegni assunti entro 90 giorni (a decorrere da fine luglio), inserendo nella stessa diffida il mancato inizio dei lavori di altre lavorazioni previste nel cronoprogramma dell’accordo integrativo di maggio 2015. Come è noto questa diffida è un atto formale che, in caso di inerzia del CMN, apre la via all’escussione delle garanzie fideiussorie prestate per la realizzazione del sottopasso;
Area prospiciente la pensilina Nervi
sulle terre da scavo presenti ad ovest della tettoia, Arpae ha negato l’attività di macinazione degli inerti per il successivo riutilizzo sul posto. Questo diniego comporta l’attivazione di una procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) da parte di CMN. Tale procedura in capo alla Regione Emilia Romagna ed una volta conclusa porterà all’allontanamento delle terre presenti. CMN ci ha comunicato che ha dato mandato al suo geologo di procedere con la VIA;
Assegnazione dei lotti H e N
sui lotti H ed N, l’Amministrazione sta valutando le possibili azioni alternative sia in termini di approccio operativo per  arrivare alla realizzazione di quote di edilizia sociale, sia in termini di utilizzo temporaneo degli spazi esistenti. Stanti le valutazioni a tutt’oggi in corso non e’ ancora possibile darvi un riscontro su quelle che saranno le decisioni definitive;
Asse nord-sud
su questo argomento non è ci ancora possibile fornire riscontro, ma siamo attivi nella ricostruzione del quadro completo delle informazioni;
Apertura del collegamento del traffico viario tra via Insolera e via Fioravanti previsto per settembre
dal 14 settembre la nuova viabilità del comparto è stata aperta.

A queste informazioni vorrei aggiungere alcune considerazioni, relative alle aree libere e al verde presenti nel comparto.
Il verde non è degradato per assenza di manutenzione: il manto erboso in carenza di pioggia ingiallisce a causa del tipo di semina utilizzato ma la situazione è destinata a migliorare, e gli alberi che non hanno attecchito saranno sostituiti nella stagione più opportuna per effettuare questa operazione.
I lotti liberi non sono stati usati come discariche e sono stati messi in ordine. Per asportare i cumuli di detriti ancora presenti è necessaria una procedura apposita.

Confidando di avervi fornito informazioni utili, vi saluto cordialmente

Valentina Orioli

Incontro con Assessore Urbanistica

Il giorno 27 luglio 2016 una delegazione del Comitato Vivere Mercato Navile è stata ricevuta dall’Assessore all’Urbanistica dottoressa Valentina Orioli alla presenza della dottoressa Milani, del dottor Evangelisti e del dottor Fornalé per fare il punto sulla situazione del comparto e per dare seguito al Tavolo di Concertazione intrapreso con la precedente Amministrazione.

Di seguito i punti toccati nel corso dell’incontro:

  1. E’ stata evidenziata la totale mancanza di informazioni da parte del Consorzio Mercato Navile nei confronti degli abitanti della zona.
  2. Stato dei lavori previsti dal cronoprogramma e relazioni col Consorzio. Il Comune si sta attivando nei confronti del Consorzio per definire quali lavori sono stati effettivamente eseguiti e quali siano invece le inadempienze in modo da procedere con le azioni necessarie propedeutiche all’escussione delle relative fideiussioni. E’ già stata emessa una prima diffida per quanto riguarda il completamento del sottopasso Gobetti il cui appalto, dopo le vicende legate alla messa in liquidazione di Coop Costruzioni, è da poco tornato in capo al Consorzio il quale ha già ricevuto formale richiesta che l’opera sia avviata entro 90 giorni. Anche per le altre opere che dovevano partire da cronoprogramma entro giugno e luglio 2016, il Comune ha indicato nella stessa diffida, che i lavori non sono ancora iniziati. La dottoressa Milani indicherà al nostro Comitato la procedura per richiedere copia di questa diffida.
  3. Agibilità dei fabbricati: CPL sta iniziando i lavori per l’insonorizzazione della centrale di trigenerazione. A seguito dei lavori è previsto un collaudo, che una volta superato, consentirà il rilascio dell’abitabilità per gli appartamenti in M1 ed M2. Si prevede di completare l’iter entro settembre 2016.
  4. Manutenzione del verde: il prato e gli alberi messi a dimora in primavera saranno oggetto nel prossimo mese di novembre di manutenzione per sostituzione degli alberi secchi e di nuova idrosemina del prato;
  5. Via Zurlini: la strada privata ad uso pubblico dovrà essere dotata di segnaletica e illuminazione con spese a carico degli abitanti e del costruttore dei lotti M. Parte di queste spese dovranno essere sostenute dal costruttore del lotto N, che si affaccia sulla stessa strada;
  6. Pulizia e sgombero lotti: nei confronti di due imprese private l’Amministrazione ha già emesso ordinanze per lo sgombero dei rifiuti del cantiere;
  7. Lotti H e N (319 alloggi in edilizia residenziale sociale): sono andate deserte le gare di appalto per la loro edificazione, il Comune prenderà a breve una decisione sulla destinazione dei lotti;
  8. Asse Nord Sud: il Comitato ha fatto richiesta che l’ufficio mobilità del Comune si informi e comunichi quali sono le intenzione e le tempistiche da parte delle Ferrovie per il completamento di questo asse viario indispensabile per la città di Bologna;
  9. Vasca di laminazione: il Comitato ha richiesto all’Amministrazione che data l’importanza di quest’opera per la sicurezza degli abitanti, venga vagliata dall’Amministrazione una modalità per la prossima esecuzione, tenendo presente che la vasca è inserita nel cronoprogramma con inizio lavori Novembre 2016 e termine Dicembre 2016.
  10. Nel parco sud, la zona antistante il nuovo centro sociale Katia Bertasi è coperto da cumuli di terra e rifiuti, che rendono il posto ideale per spaccio ed altre attività illecite. Si rende necessario uno studio che permetta di limitare questa situazione (il Comitato ha espressamente richiesto che venga valutata una spianatura piuttosto che una semplice recinzione sia per il decoro della zona sia per la soluzione dei problemi di sicurezza)
  11. Si prevede che per il 05/09/16 il Comune prenda in carico le strade del comparto di proprietà del Consorzio, con l’apertura al traffico della rotonda di via Svampa.
  12. E’ prevista una verifica di staticità dei ponteggi del lotto Unicum, abbandonati ormai da più di un anno. Il Comitato auspica una copertura del palazzo per dare decoro al comparto.
  13. La dottoressa Milani propone un nuovo incontro verso metà settembre per fare il punto della situazione.

Lettera al Sindaco con la nostra proposta

Bologna, 1 dicembre 2015

Caro Sindaco,

torniamo a scriverti dopo un mese senza avere avuto ancora una risposta alla lettera che ti inviammo il 3 novembre scorso per denunciare quella che è la reale situazione di Mercato Navile: un comparto al capolinea, una “zona bianca” come espresso davanti ai Cittadini dall’Assessore Gabellini in occasione del Consiglio aperto di ottobre al Quartiere Navile.

Dopo che le notizie sul dissesto di Coop Costruzioni si sono rincorse in queste settimane sui giornali, a Mercato Navile continua ad esserci un’aria di abbandono e, una volta riaperta la rotonda Gobetti – ancora con tristi transenne provvisorie e un sottopasso non percorribile: non certo un nodo viario di cui una città metropolitana possa vantarsi – solo il cantiere della Casa della Salute procede spedito.

Gli abitanti continuano invece a non avere marciapiedi, continuano a sperare che non accada niente a nessuno quando già nel primo pomeriggio una volta calata la luce del sole tentano di raggiungere il quartiere da un passaggio pedonale senza illuminazione, continuano a sperare che le sospensioni delle loro automobili tengano ancora un po’ perché un manto d’asfalto definitivo ancora non loro ce l’hanno.

Caro Sindaco, Mercato Navile non è sotto i riflettori come lo è stato il cantiere BoBo: qui il taglio del nastro (che per BoBo è arrivato sabato, addirittura in anticipo rispetto al progetto) è ancora lontano mentre il ritardo accumulato è di diversi anni.

Abbiamo letto sui giornali che all’inaugurazione quando hai incontrato coloro che insieme hanno lavorato per il cantierone – agli operai, ai dipendenti comunali, al personale di Tper, ai vigili urbani e agli assistenti civici – hai detto:
“Oggi è una giornata importante soprattutto grazie a voi: per portare a casa il risultato ce l’abbiamo messa tutta, ma non ci saremmo riusciti senza di voi. E’ stato davvero un lavoro di squadra, abbiamo lavorato bene perché abbiamo lavorato insieme. Essere riusciti a rispettare i tempi malgrado tutte le avversità è una cosa fenomenale di cui essere orgogliosi. I tempi sono stati rispettati dimostrando che in una volta sola si poteva risolvere il problema”.

Caro Sindaco,

noi cittadini riuniti in Comitato crediamo che anche per Mercato Navile serva un lavoro di squadra a tutti i livelli.

In questa fase dello sviluppo di Mercato Navile il problema è che i lotti acquistati dai privati – e poi abbandonati per errate valutazioni economiche – rischiano di non farci mai vedere nessun taglio del nastro a Mercato Navile: né da parte del Sindaco di questa Giunta ma neppure del Sindaco della prossima.

Per smuovere questi attuatori che stanno perseguendo interessi privati senza tener conto che Mercato Navile è un progetto di rilevanza sociale per tutta Bologna – e non solo un luogo di speculazione immobiliare – occorre abbandonare logiche di mercato spazzate via dalla crisi e trovare strade alternative come ad esempio una Consulta, un tavolo cioè dove tutti i soggetti interessati – sia di fatto o anche solo potenzialmente – possano discutere e apportare il proprio contributo per una soluzione nell’interesse della collettività: dalla Pubblica Amministrazione che ha ideato il progetto, passando per i cittadini che dovranno abitarlo fino ad arrivare alle agli attuatori privati coinvolti ma anche a quelli che potenzialmente avrebbero un interesse ad esserlo.

Caro Sindaco, ad aprile ci avevi promesso che saresti tornato al più presto per fare il punto della situazione.

Ti aspettiamo,

Comitato Vivere Mercato Navile

Riunione Tavolo Concertazione Comitato-Comune del 27/10/15

A seguito di una nostra istanza, il 27 ottobre 2015 ha avuto luogo un ulteriore incontro del Tavolo di concertazione tra il Comune di Bologna e il Comitato Vivere Mercato Navile. In vista del Consiglio aperto di quartiere che ha avuto luogo giovedì 29 ottobre, il Comitato ha richiesto ai convenuti un confronto sui seguenti temi:

1. Sottopasso di via Gobetti. Alla luce delle difficoltà in cui versa Coop Costruzioni, si chiede se e con quale tempistica riprenderanno i lavori. Si attendono notizie sugli sviluppi dall’impresa.

2. Messa in sicurezza e illuminazione dei lotti non costruiti. Il Comitato ha ribadito al Comune l’urgente necessità di pulire e recintare i lotti del comparto non edificati. Si richiede inoltre l’installazione di un’illuminazione provvisoria nelle vie di collegamento non ancora terminate.

3. Centrale di trigenerazione di CPL Concordia. A seguito dell’esito negativo del collaudo effettuato a inizio settembre, giudicato non conforme a causa di un’eccessiva rumorosità della centrale, l’impresa sta intervenendo per moduli: vi sarà un nuovo collaudo entro fine novembre per l’erogazione del calore e un ulteriore collaudo entro fine maggio per il raffrescamento.

4. Prezzo degli appartamenti in edilizia convenzionata. Il Comune, a seguito della nostra richiesta di chiarimenti, ha terminato le sue verifiche in merito. Sono stati riscontrati degli scostamenti rispetto agli accordi della convenzione: il Comune informerà direttamente i cittadini.

Riunione di cantiere e coordinamento del 23/09/15

Partecipanti:  Amministrazione comunale; Consorzio Mercato Navile; Imprese esecutrici; Collaudatori lavori.

Partecipanti Comitato: Agostino, Ciro

Il Consorzio ribadisce all’impresa esecutrice che la tempistica concordata, (9 mesi da verbale ripresa lavori) come da Atto di Transazione del 15/05/2015, non può ammettere slittamenti ingiustificati.

Con riguardo al programma di posa del tappeto di usura sulle strade del comparto, l’Impresa comunica che dal 20 ottobre circa inizieranno i lavori con la nuova sede stradale di via Gobetti (si precisa che per l’apertura di Via Gobetti occorre sia il collaudo del sottostante tunnel e l’ordinanza del Comune).
In riferimento al nuovo progetto di illuminazione del sottopasso, il Comune comunica l’avvenuta approvazione e l’invio di copia della Determina Comunale. Il Direttore dei Lavori, unitamente al Consorzio, provvederanno ad emettere quanto prima il  verbale di Ripresa dei Lavori. In vista della prossima apertura della nuova sede stradale della v. Gobetti, si richiede il preventivo rilascio del collaudo strutturale del tunnel.

Dopo l’apertura di Via Gobetti i lavori di posa del tappeto di usura proseguiranno con le strade del comparto in cui saranno terminati i lavori di posa della pavimentazione dei marciapiedi (prioritari rispetto al tappeto di usura). In considerazione delle esigenze di chi è già residente nel comparto e dello stato dei lavori, viene definita la seguente priorità nella stesura del tappeto di usura: dopo V. Gobetti ─> strade B1 nord ─> B1 sud ─> B ─> F ─> G ─> A nord, confidando di poterle completare tutte prima della stagione invernale, evitando inoltre la perdurante presenza di chiusini in ghisa sporgenti rispetto al piano stradale.

Relativamente al programma di posa in opera della nuova illuminazione pubblica, l’impresa comunica che l’installazione avrà inizio a dicembre 2015.

Proseguono i lavori per la posa dei sottoservizi lungo la strada “A sud”, tra la strada “B” e v. Carracci.

Essendo terminati i lavori relativi alla realizzazione del manufatto di scavalcamento, verso Villa Angeletti, dell’asse stradale nord-sud, viene dato mandato al collaudatore di definire con l’Impresa  e con il Direttore dei Lavori strutture le modalità di realizzazione della prova di carico da effettuare prima del collaudo complessivo delle strutture in cemento armato, previste ed ultimate, all’interno del comparto.

Scarica copia di questo documento

Riunione Tavolo Concertazione Comitato-Comune del 16/07/15

Oggetto: Riunione Tavolo Concertazione Comitato-Comune del 16/07/15
Partecipanti Amministrazione: Ass. Gabellini, Marica Milani, Evangelisti, Davide Fornalè, Andreon (piano città), Ufficio legale, Daniele Ara

Partecipanti Comitato: Agostino, Enrico, Mauro, Riccardo

 

ABITABILITA’

Per ottenere l’abitabilità sospesa, la Valdadige ha ottemperato a quanto richiesto dal comune (ascensori, asfalto etc).

In data 06/06/15 il comune ha ricevuto una nuova diffida dagli avvocati a concedere l’abitabilità ai nostri palazzi, perché la centrale di trigenerazione è allacciata alla corrente di cantiere e non può eseguire un reale collaudo.

Pertanto il comune ha nuovamente sospeso l’abitabilità.

Hanno detto che la centrale è stata allacciata il 15/07/15 alla rete elettrica Enel e che potranno fare il collaudo a breve.

 

TAVOLO AVANZAMENTO LAVORI

Tra l’ufficio tecnico del comune e il consorzio si svolge con regolarità un tavolo di avanzamento lavori.

Per avere le idee chiare su cosa sta succedendo è necessario essere informati di cosa viene discusso in queste occasioni e , pertanto, abbiamo richiesto di partecipare a questo tavolo.

Il comune non ha obiezioni alla nostra partecipazione ma, prima di confermarla, deve confrontarsi con il consorzio: attendiamo una loro riposta a riguardo.

RISPOSTA AMMINISTRAZIONE DEL 29/07/15

Abbiamo verificato la disponibilità del Consorzio circa la partecipazione agli incontri di cantiere e vi confermiamo il nulla osta alla partecipazione di un vostro referente come uditore, non avrà quindi facoltà di intervento, sarebbe opportuno un tecnico visto il taglio appunto molto tecnico di tali riunioni per una questione di comprensione dei temi trattati.

 

PIANO CITTA’

Il progetto esecutivo per il centro sociale Katia Bertasi e la palestra è stato deliberato dalla corte dei conti e, dopo la registrazione, in settembre ci sarà il relativo bando.

Gli scavi di bonifica per residui bellici sono stati effettuati in questi giorni.

L’inizio dei lavori è previsto per l’inizio del 2016 con durata 18/24 mesi.

Il bando per la scuola è previsto per la fine dell’anno.

 

SOTTOPASSO GOBETTI

Stanno completando gli elaborati per le varianti dei corpi illuminanti e prevedono di aprire il sottopasso entro l’autunno.

RISPOSTA AMMINISTRAZIONE DEL 29/07/15

Per quanto riguarda l’impianto di illuminazione confermiamo che si tratta di impianto a LED.
LOTTI H+N

Terminati i 3 milioni anticipati per i suddetti lotti, il comune deve ancora al consorzio 1,7 milioni.

Non sono ancora partiti col bando per questi edifici.

 

COMUNE DELLA BOLOGNINA – CONSIGLIO APERTO

Come richiesto dalle opposizioni della Bolognina, verso fine settembre ci sarà un consiglio aperto sul nostro quartiere.

 

PREZZI CONVENZIONATA

Hanno verificato i prezzi della edilizia convenzionata e trattandosi di un argomento delicato é necessaria una comunicazione ufficiale da parte del comune

RISPOSTA AMMINISTRAZIONE DEL 29/07/15

Sui prezzi della convenzionata stiamo ancora ultimando le verifiche su alcuni dati ancora mancanti, dopodiche’ vi invieremo per iscritto l’esito.

Scarica copia di questo documento

Sviluppo di Mercato Navile: la pubblica assemblea del 15 dicembre 2014 al Centro Katia Bertasi

La sala del Centro Katia Bertasi era piena ieri sera, per la Pubblica Assemblea nella quale il Comune di Bologna voleva annunciare le prossime opere che interesseranno il comparto del Mercato Navile che dovrebbe nascere sulla zona che fu occupata dall’Ex Mercato Ortofrutticolo nel quartiere Bolognina.

Il primo intervento dal palco è stato quello di Patrizia Gabellini, assessore  all’urbanistica del Comune di Bologna. L’assessore ha innanzitutto parlato della crisi economica che si è abbattuta da diversi anni su tutto il paese e quindi anche sul comparto del Mercato Navile che nei piani del Comune avrebbe dovuto essere un investimento importante per tutta la città, avrebbe dovuto rappresentare uno dei maggiori strumenti di trasformazione della città – ha dichiarato- ma che però, a causa della situazione economica si è trasformato invece un grave problema.

Con l’accordo appena raggiunto tra Consorzio e Comune di Bologna, ha dichiarato la Gabellini, la pubblica amministrazione ha cercato di mettere in moto risorse economiche per realizzare opere che serviranno tutto il quartiere Navile in modo che facciano da volano e invertano la rotta di quello che lei ha definito il “declino” del quartiere.

Il Comune ha infatti deciso di anticipare, le quote di sua spettanza per finanziare in toto opere di urbanizzazione di primaria importanza: riapertura Gobetti, verde, e messa in sicurezza dei lotti che non verranno edificati a breve.

La Valdadige, l’impresa costruttrice che ha realizzato i primi lotti abitativi, ha avuto problemi finanziari – ha dichiarato l’assessore- e questo ha determinato a cascata lo stop delle imprese subappaltatrici; di fronte a questa situazione in via eccezionale, per la prima volta la Pubblica Amministrazione sta intraprendendo un confronto diretto con le banche per cercare di riavviare il percorso di finanziamento in modo che i lavori procedano.

Ci sono le condizioni per riprendere in mano la situazione, ha dichiarato l’assessore.

Il secondo intervento della serata è stato quello del responsabile della pianificazione attuativa che cura titoli abilitativi dei lotti del comparto che ha dichiarato: “abbiamo lavorato in questi mesi per uscire da uno stallo”. Nei prossimi sei mesi la quota di competenza del Comune sui lavori ( il 20,25%) verrà anticipata e l’attività si svolgerà in tre fasi:

Fase 1: apertura sotto passo via Gobetti

Fase 2: opere urbanizzazione all’interno del comparto

Fase 3: opere a verde

Queste opere si dovrebbero concludere in 160 giorni cioè 5/6 mesi con inizio febbraio 2015.
Poi oltre all’urbanizzazione delle abitazioni già esistenti, i rappresentanti del Comune hanno dichiarato che sono già state messe a cronoprogramma diverse opere pubbliche che vedranno la luce all’interno del comparto:

i lavori per la realizzazione della Casa della salute, ad esempio, che inizieranno a marzo.

Grazie al Piano nazionale delle città, al quale il Comune partecipò aggiudicandosi un finanziamento, verrà realizzato un Centro Polifunzionale di quartiere ( centro sociale e palestra) e il restauro della Pensilina Nervi.

Questi lavori devono essere avviati necessariamente entro il 15 aprile prossimo.

Nel comparto si prevede inoltre la realizzazione anche di altri alloggi e di una scuola (materna e elementare) con tempi però più lunghi e incerti.

 

All’assemblea ha preso la parola anche Mauro Scandellari presidente del nostro Comitato, per presentare il progetto di Vivere Mercato Navile: un comitato cittadino che partendo dallo spirito del Laboratorio partecipativo che diede vita a tutto il progetto, laboratorio formato da cittadini e pubblica amministrazione che insieme collaborarono per immaginare una zona a servizio di tutta la città, intende affiancare e coadiuvare la Pubblica Amministrazione facendosi portavoce verso di essa delle esigenze dei cittadini del Navile.

Una voce, quella del comitato, che intende dialogare direttamente con la Pubblica Amministrazione.

Durante la serata non sono mancate le voci di protesta e di dissenso: quella di Giovanni Simonetti  ad esempio, avvocato che difende 20 promissari acquirenti della convenzionata che hanno mandato una diffida al Comune per i danni causati dal ritardo e mancata realizzazione dei lavori del comparto.

E di molti cittadini della Bolognina e di via Gobetti in particolare, stanchi del disagio che il cantiere del Mercato Navile, provoca da anni a chi vive nel quartiere Navile.